Nuova normativa Intra anno 2010 348

Tutte le novità per rimanere sempre aggiornato.

Home News Nuova normativa Intra anno 2010 348

Nuova normativa Intra anno 2010

Gentile cliente,

 

con il recepimento delle Direttive comunitarie 8/2008/CE e 117/2008/CE che modificano la direttiva 112/2006/CE, sono state previste importanti novità normative, tra le quali si segnalano:

 

-          la modifica del principio di territorialità Iva per le prestazioni di servizi

-          l'obbligo di presentazione dei modelli Intrastat per i servizi comunitari resi (o ricevuti)

-          la modifica della disciplina dei modelli Intrastat per le cessioni di beni

-          l'inasprimento della lotta alle frodi fiscali.

 

In attesa della stabilizzazione delle normative suddette, a cui seguirà il rilascio di aggiornamenti dei gestionali, è opportuno seguire determinati accorgimenti sin d’ora, al fine di gestire al meglio la problematica:

Accorgimenti gestionali Intra 2010

 

Normativa

 

Con il recepimento delle Direttive comunitarie 8/2008/CE e 117/2008/CE che modificano la direttiva 112/2006/CE, sono state previste importanti novità normative, tra le quali si segnalano la modifica del principio di territorialità Iva per le prestazioni di servizi, l'obbligo di presentazione dei modelli Intrastat per i servizi comunitari resi (o ricevuti), la modifica della disciplina dei modelli Intrastat per le cessioni di beni, l'inasprimento della lotta alle frodi fiscali.

L'iter di recepimento delle direttive comunitarie consta delle seguenti fasi:

·         Legge comunitaria 2008;

·         Decreto legislativo in corso di adozione;

·         Decreto Ministero dell'Economia e delle Finanze in corso di adozione;

·         Determinazione del Direttore Agenzia Dogane di concerto con il Direttore Agenzia delle Entrate e d'intesa con l'ISTAT in corso di adozione.

 

 

Obblighi e gestione

 

Per soggetti Iva italiani vi è l'obbligo di presentare a decorrere dal 01 Gennaio 2010 elenchi riepilogativi (INTRASTAT) delle prestazioni di servizi RESI a o RICEVUTI da soggetti iva residenti in altro stato membro.

 

L'inclusione dei servizi nei modelli Intrastat comporta la necessità da parte dell'utente di differenziare il più possibile la codifica dei servizi come articoli in quanto nei modelli Intrastat verrà richiesta una suddivisione in base al codice servizio, codice quest'ultimo da attribuirsi in base ad apposita tabella ministeriale ancora non diffusa.

 

Si raccomanda pertanto, che qualora nei documenti – DDT, fatture – siano indicati dei servizi, non vengano utilizzati codici generici - forfait, fuori magazzino, descrittivo o altro - ma vengano codificati appositamente degli articoli in anagrafica (senza controllo di giacenza) per indicare i vari tipi di servizio interessati.

In questo modo, quando verrà installato l'aggiornamento della procedura relativo ai modelli Intrastat 2010, questi articoli "servizi" potranno essere recuperati nel modello di dichiarazione associando loro il corretto codice di servizio di pertinenza.

 

Per ogni codice servizio dovrà essere gestita una diversa anagrafica. Formuliamo alcuni esempi per chiarezza espositiva:

·         Manodopera specializzata

·         Trasporto su gomma

·         Trasporto su rotaia

·         Consulenza fiscale

·         Consulenza gestionale

tutti potrebbero avere potenzialmente un codice servizio diverso: in questo momento l'informazione non è disponibile in quanto, come detto, non è ancora stata diffusa la tabella ministeriale dei Codici Servizio.

 

Per prudenza è preferibile introdurre il maggiore livello di dettaglio possibile degli articoli "servizi" in modo che in futuro sarà più semplice associare lo stesso codice servizio a due articoli, mentre sarà impossibile associare due codici servizio diversi al medesimo articolo.

 

Cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Buon lavoro!

© Creative Studio