Iva per cassa 286

Tutte le novità per rimanere sempre aggiornato.

Home News Iva per cassa 286

Il D.L. n. 185/2008 convertito con modificazioni in Legge all'art. 7 ha esteso, seppure con alcune particolarità, il meccanismo dell'Iva ad esigibilità differita già previsto per le fatture emesse nei confronti di Stato, enti pubblici ed enti ad essi assimilati / equiparati.

In che cosa consiste il meccanismo dell'Iva ad esigibilità differita in generale (denominato correntemente "Iva per cassa") ?

Si tratta del fenomeno per cui l'Imposta sul valore aggiunto relativa alle operazioni imponibili non è esigibile al momento di emissione della fattura, bensì al momento dell'effettiva riscossione del corrispettivo.

Interessa le fatture emesse da aziende con un  volume d’affari entro il limite di Euro 200.000,00 nei confronti di soggetti diversi da consumatori finali.

Analogamente, per chi riceve queste fatture, l'Imposta sul valore aggiunto non è detraibile al momento della registrazione della fattura, bensì al momento dell'effettivo pagamento del corrispettivo.

L'agevolazione in origine sperimentale è divenuta permanente in sede di conversione in Legge della norma.

 

Entrata in vigore

La norma è già in vigore, ma non è ancora operativa, in quanto è subordinata a due adempimenti:

-          l'ottenimento della preventiva autorizzazione comunitaria      

-          l'emanazione di un decreto ministeriale da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze che deve individuare le categorie di contribuenti interessate.

Al riguardo si segnala che l'autorizzazione comunitaria è stata recentemente concessa, il decreto ministeriale è stato emanato, ma è ancora in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, pertanto non è entrato ancora in vigore.

 

Soluzione ESA

I prodotti e/ - e/studio e esatto sono in fase di adeguamento per consentire la gestione dell’IVA per cassa sia sulle vendite che sugli acquisti, sia per quanto riguarda la parte contabile che il ciclo attivo e passivo.

In particolare saranno affrontati gli aspetti:

-          emissione fattura con IVA per cassa

-          contabilizzazione fattura con IVA per cassa

-          registrazione contabile fatture con IVA per cassa sia attive che passive

-          registrazione incassi e pagamenti di tipo contanti, RD, ecc. (caso in cui la chiusura contabile del cliente/fornitore coincide con l’effettivo riscossione del corrispettivo) sia attivi che passivi

-          registrazione dell'effettiva riscossione del corrispettivo per RB e affini (caso in cui la chiusura contabile del cliente viene fatta prima dell’effettivo incasso del corrispettivo)

 

La implementazione, che sfrutterà un meccanismo analogo a quello dell’IVA ad esigibilità differita nei rapporti con Stato ed enti pubblici già presente nei prodotti, avverrà logicamente in due fasi:

-          fase 1 – interventi per consentire agli utenti di essere da subito, o quasi subito, operativi dinnanzi al nuovo meccanismo fiscale con una gestione anche manuale

-          fase 2 – eventuali completamenti e/o automatismi

 

Di seguito sono riportate le fasi per i vari prodotti.

 

e/ - e/studio

-          fase 1 – immediata: e/ ed e/studio consentono già agli utenti di essere operativi dinnanzi al nuovo meccanismo fiscale con una gestione anche manuale; verrà rilasciato a brevissimo un documento che spiega come operare e quali operazioni eseguire

-          fase 2 – fix 2.9.4, previsto per luglio 2009: includerà le seguenti implementazioni

o        eliminazione delle limitazioni operative della fase 1

o        diversificazione dell’IVA ad esigibilità / detrazione differita enti pubblici, da quello per l’IVA per cassa e specializzazione delle causali e degli archivi

o        automatismi per la emissione delle fatture attive

o        modifiche ai Registri IVA e Liquidazione periodica

o        eventuali automatismi per la generazione automatica delle scritture IVA in fase di incassi / pagamenti

o        eventuali utility e automatismi

 

esatto

-          fase 1 – fix 7.0.2, previsto entro maggio 2009: modifiche minimali su causali e prima nota per consentire agli utenti di essere operativi dinnanzi al nuovo meccanismo fiscale con una gestione anche manuale

-          fase 2 – eventuali completamenti e/o automatismi verranno valutati a seguito delle esigenze e richieste dei clienti

© Creative Studio